mercoledì 29 giugno 2011

FASHION DICTIONARY

Ecco il mio "FASHION DICTIONARY" ragazze!!! Finalmente tutti i termini dello slang della moda, o quasi tutti, se ne trovate qualcuno mancante scrivetemi, aggiornerò la lista ;D  


A
Abito a Impero : abito con il punto vita molto alto, sotto il seno ed arricciato
Abito da Cocktail : abito da sera lungo fino al polpaccio
Agrette : decoro copricapo fatto con un ciuffo di piume
Allure : non è altro che la parola francese per indicare look, stile, portamento elegante
Animalier : è il termine più chic per indicare la riproduzione in tinta della pelle di animali come il leopardo, il serpente, la tigre ecc.
Ankle Boots o “booties : sono gli stivaletti alla caviglia, in italiano detti “tronchetti
B
Baggy : sono i pantaloni oversize e lunghi, con molte tasche e il cavallo basso
Ballon : è la manica o la gonna che è gonfia e termina stretta o con un’arricciatura,  a “palloncino
Bangles : sono i bracciali rigidi e senza chiusure
Batik : è la stampa di vari colori nata dall’antica arte orientale che utilizzava cere, coloranti naturali, spazzole e stencil per tingere e decorare i capi
Barbour : indica il giaccone impermeabile, in cotone oleato ispirato a quelli usati dai marinai
Bauletto : è la borsa, grande o piccola, la cui forma ricorda un baule, ha i manici ma può anche avere la tracolla
Blazer : la classica giacca da uomo a doppio petto
Blogger : autrice e curatrice di un blog
Blouson : è il giubbetto lungo fino ai fianchi, ampio e sportivo
Blush : è il termine inglese che indica il fard
Borsa a Secchiello : è la borsa a tracolla la cui forma ricorda un secchio
Broche : ovvero la spilla, termine utilizzato soprattutto per indicare le spille vintage
Bronzer : è la parola inglese per “terra solare” o “terra abbronzante
Bubblegum : indica i colori accesi che ricordano quelli delle coloratissime gomme da masticare
C
Camouflage : ben diverso dal significato che assume nella nail art o nel make up, è la stampa mimetica
Capispalla : con questo termine si indicano tutti i capi che coprono le spalle, maglie, cappotti, trench ecc.
Capsule Collection : indica un’edizione limitata di capi (e volendo accessori), formata da pezzi interscambiabili tra loro per poter creare diversi outfits con la stessa collezione
Cargo : pantaloni inizialmente maschili con tasche e larghi, in stile militare
Chache Coeur : “scalda cuore” in italiano, è il golfino a V corto, che si allaccia con due laccetti dietro o lateralmente, la versione tipo giacca è detta “bolero
Chandelier : sono gli orecchini importanti con più pendenti, stile lampadario
Chanel : sono le scarpe tipo sabot ma con cinturino dietro al tallone
Clogs : termine che indica gli zoccoli con la suola molto spessa in legno e la tomaia in cuoio
Clutch : detta anche “pochette” in francese, è una borsa senza tracolla che si porta sotto il braccio o a mano, Fendi ne ha lanciato una versione mini e lunga dal nome “baguette” come il tipico pane francese
Color Block : è lo stile in cui si abbinano i colori dalla tonalità più forti, shock, come ispirandosi ad un quadro astratto
Color Crush : è l’abbinamento di colori o decori in contrasto fra loro
Corsage : è un bustino, a volte rinforzato, scollato e senza maniche, detto anche corsetto
Couissard : sono gli stivali alti fin sopra al ginocchio
Coulisse : è la cintura da annodare che scorre all’interno della cucitura che circonda la vita di pantaloni o gonne
Cover Look : è il look della modella nella foto di copertina
Cover Shoot : è la foto di copertina di una rivista
Cut : è la giacca da uomo per le occasioni ufficiali, con le falde a coda di rondine
D
Daily Wear : è il termine più moderno di casual, ovvero lo stile di tutti i giorni, informale
E
Embellished : può essere un vestito o una giacca, insomma un indumento embellished, che letteralmente significa “abbellito”, è un capo ricoperto di strass o decori luccicanti
F
Fashion-Addict : significa dipendente e fanatico del fashion, della moda
Fashion-Aholic : significa fortemente interessato, ossessionato dal fashion, dalla moda
Fashionista : ovvero l’appassionata di fashion, di moda e tutto ciò che ne concerne
Finanziera : è la giacca formale, con falde e bordi dritti
Flats : è il termine inglese per ballerine, le scarpe basse senza tacco, piatte
Flip Flop : nome delle ciabattine da mare in gomma, anche infradito
Fleece : è un tessuto di maglina nato negli anni 80 negli Usa, termoisolante e leggero nonostante sia voluminoso e simile ad una pelliccia sintetica
Francesine : sono le scarpe stringate e con il tacco, a volte con mascherina e forellini
G
Gipsy : è il look zingaresco, gitano, quindi gonne ampie a balze, gioielli vistosi e pendenti, scollature a barca arricciate ecc.
Gladiators : sono i sandali con i lacci da legare intorno alle caviglie o al polpaccio, ispirati alle calzature dei gladiatori
Glam Rock : letteralmente “rock scintillante” è lo stile rock con chiodi e pantaloni in pelle abbinato però ad accessori gioiello
Giveaway : è un concorso a partecipazione gratuita, letteralmente “dar via
Glencheck : detto anche “Prince De Galle”, è il disegno a quadri
Gonna a Campana : è la gonna ampia che si allarga verso il fondo, come la forma di una campana
Gonna a Ruota : è la gonna ampia che ha i bordi ondeggianti, con il tessuto sbieco
H
Haute Couture : non è altro che la parola francese per “Alta Moda” o inglese “High Fashion
Hot Pants : sono gli “shorts” ovvero i pantaloncini molto corti
J
Jabot : è la decorazione in tessuto applicata sul davanti delle camicie
L
Lace Dress : non è altro che l’abito di pizzo in inglese
Lace Up : è il termine che indica le scarpe con allacciatura sul collo o sulla caviglia la cui parte superiore termina con un nastro o fiocco allacciato
Lamè : è un tessuto in seta con dei filamenti metallici che gli attribuiscono una lucentezza particolare
LBD : Little Black Dress, cioè l’abito nero corto, anche senza maniche, è il tubino
Leggins : sono i pantaloni aderenti su tutta la gamba, il termine francese è “fuseaux
Linea A : è la linea creata dal grande Christian Dior nel 1955 in cui la silhouette femminile ha spalle strette, vita e fianchi sono sottolineati e la gonna è ampia e svasata; Chanel l’ha ampiamente utilizzata
Linea H : sempre lanciata da Dior, è una linea in cui la silhouette è poco avvitata, la gonna ha come protagonista una belle cintura o fusciacca e i fianchi sono stretti
Linea A Matita : anche questa presentata da Dior, consiste in gonna dritta e stretta soprattutto verso il fondo, con uno spacchetto per permettere il movimento dei passi
Linea Y : quarta linea creata da Dior, grandi colli aperti e risvolti larghi che fanno sembrare la figura di una Y
Linea A Trapezio : creata da Yves Saint Laurent, la linea consiste in vestiti dalle spalle minute, la vita alta e la gonna a campana
Linea Princesse : presentata da Charles Frederick Worth, abiti le cui cuciture modellano il corpo, la parte superiore è aderente e quella inferiore molto ampia, linea utilizzata per molte reali
Longuette : termine francese per indicare una gonna o un abito lungo fino a metà polpaccio
K
Kilt : è la gonna a quadri tipica scozzese indossata dagli uomini
Knickerbockers : è il termine inglese che indica i pantaloni alla zuava, ampi e stretti sul finale, sotto al ginocchio
M
Maniche a Campana : sono le maniche lunghe che dal gomito si allargano fino al polso creando la forma di una campana
Maniche ad Aletta : sono le maniche corte, piccole e triangolari che partono dalla spalla formando un’aletta rigida oppure una minima copertura sul braccio
Maniche a Giro : maniche corte o lunghe, cucite seguendo il giro della spalla e con il taglio che parte sotto, dall’ascella
Maniche a Kimono : sono le maniche unite alla spalla senza cuciture e applicate ad angolo retto alla parte superiore del capo, come i kimoni orientali
Maniche a 3 Quarti : sono le maniche che arrivano fino alla metà del’avambraccio
Maniche a Pipistrello : dette anche “Dolman”, sono le maniche lunghe molto ampie, che partono dal punto vita e si restringono al polso, sembrano formare le ali di un pipistrello una volta aperte le braccia, Emanuel Ungaro ne crea una variante in cui la parte sottostante viene arrotondata ad angolo e dando così vita alle maniche “Ungaro Dolman
Maniche Raglan : sono le maniche lunghe il cui taglio è un raggio parte dal sottoascella e arriva alla base del collo, sono molto comode ed usate soprattutto per cappotti o giacche
Maniche a Sbuffo : maniche che partono ampie dalla spalla e creano delle arricciature o piegoline sul fondo che creano una caduta sbuffante e morbida del tessuto
Matelassè : è il “trapuntato” che è diventato famoso grazie a Coco Chanel, soprattutto con la 2.55, è la lavorazione di un tessuto (seta, cotone, doppio o imbottito, ecc.) con cuciture che incrociandosi formano motivi orizzontali, verticali o a losanghe
Moodboard : dall’inglese la parola mood vuol dire “umore” e board significa “tavola”, in pratica è una sorta di collage di immagini per mostrare più prodotti insieme
Mules : è il nome delle ciabattine ricamate e realizzate con materiali di pregio come il velluto, la seta, i tessuto broccati, ecc.
Must : da “must have” si usa per indicare un capo o un accessorio che si dovrebbe sempre avere
N
Navy o avy navy : è il colore blu tipico delle uniformi della Marina Reale Britannica
O
Obi Belt : è la cinturona a fascia, la “fusciacca” in italiano
Off White : è il color bianco magnolia
Open Toe : cioè “dito aperto”, termine che indica le scarpe spuntate e aperte sul davanti, lasciando intravedere le dita, in Gran Bretagna il termine usato è “peep toe” che letteralmente significa “dito che occhieggia
Outfit : è il termine inglese che descrive e compone un look, in francese “mise”, molto usato da star e bloggers
P
Paisley : è la stampa ispirata all’arte indiana e persiana, il motivo è costituito da gocce vegetali dai colori accentuati e sgargianti, molto usato nelle sciarpe in cachemire
Palette : letteralmente è la “tavolozza dei colori”,  nel make up è una confezione di polveri dalle tonalità diverse
Pantaloni a Campana : pantaloni o jeans detti anche “a zampa di elefante”, sono nati negli anni ’60, sono lunghi ed aderenti fino al ginocchio dove poi si allargano a forma di campana fino al fondo
Pantaloni a Sigaretta : sono i pantaloni nati negli anni ’80, lunghi e larghi con pince, che si restringono alla caviglia
Pantaloni Capri : inventati da Emilio Pucci negli anni ’50, sono i pantaloni ispirati a quelli dei pescatori della costiera amalfitana, aderenti e lunghi ¾ sotto il ginocchio, possono avere spacchetti laterali o piccole chiusure, sono chiamati anche “pinocchietto”(aderenti), “corsaro”(comodi), “bermuda”(larghi), se corti solo fin sotto al ginocchio oppure sono detti  quando la lunghezza è calcolata totalmente dalla vita
Pantaloni Palazzo : sono i pantaloni lunghi, molto ampi, voluminosi e dritti fino al fondo
Parigine : sono le calze o collant che arrivano sopra al ginocchio ma più corte rispetto alle autoreggenti
Personal Shopper : colui o colei che per mestiere accompagna, anche fisicamente, i suoi clienti negli store più cool per uno shopping appropriato e di ultima tendenza, è una guida all’acquisto fatta a persona
Plateau o Platform : è un rialzo della parte anteriore della scarpa, una sorta di tacco anteriore che rende la scarpa con tacchi alti più comoda
Prêt-a-porter : termine francese che significa “pronto da indossare”, in inglese è “ready to wear”, indica una collezione moda più commerciale, di realizzazione non sartoriale ma industriale
Pumps : le pump shoes sono scarpe décolleté dall’aspetto importante, vistoso, protagonista
R
Red Carpet : si traduce dall’inglese in “tappeto rosso” ma in realtà è utilizzato per indicare le passerelle delle star ai grandi eventi mondani, in cui è d’obbligo farsi fotografare ed esibire l’abito più bello
Runway : ovvero una fashion “run away” è una sfilata di moda
Ruches : sono le piccole arricciature
S
Sabot : termine francese che deriva dalle originarie scarpe dell’alta Val d’Aosta in legno, possono essere in vari materiali, anche in gomma, sono aperte sul tallone e chiuse davanti
Sancrato o anche “sciancrato” : significa stretto in vita
Scollatura a Barchetta : è poco profonda, da una spalla all’altra, ricorda la forma arrotondata dello scafo di una barca ed è uguale davanti e dietro
Scollatura a Cuore : ottenuta da due curve semicircolari accostate che ricordano la forma di un cuore
Scollatura a Goccia : è ottenuta nel centro da un’apertura a forma di goccia chiusa in alto da un bottoncino o laccetto
Scollatura Americana : è la scollatura in cui le due parti superiori del capo si allacciano dietro al collo e le spalle e la schiena rimangono scoperte, deriva dagli abiti da spiaggia degli anni ‘30
Shabby Chic : letteralmente “trasandato e chic” è un’arte inventata dall’americana Rachel Ashwell negli anni 80, è quell’eleganza e lusso che non sembra, che non è palesato, anzi, camuffato da economico e usurato
Shooting : sta per photoshoot, cioè il servizio fotografico oppure si riferisce ad una ripresa
Shopaholic : ovvero una persona dipendente, ossessionata dallo shopping e dalla moda
Shopper : la parola inglese indica la busta per la spesa, è una borsa informale, in tessuto o plastica o gomma, solitamente senza chiusura, la si adopera con la borsa e la si può anche infilare dentro, per riporvi ciò che non disporremmo nella normale borsa
Shopping Bag : è una borsa di grandi dimensioni, con manici lunghi e tasche all’interno, solitamente non ha chiusure se non una calamita, ha forma rettangolare ed è rigida o semi rigida
Skinny : vuol indicare i pantaloni o i jeans molto aderenti alla gamba, detti anche “hipsters” se sono a vita bassa e con l’ombellico che rimane scoperto
Slim Fit : è il termine che indica i capi molto aderenti che seguono la forma del corpo
Smerlato : si riferisce all’orlo o bordino fatto a “onda
Sneakers : sono le scarpe sportive da tutti i giorni
Socialite : letteralmente “persona che fa vita mondana”, è il termine per indicare personaggi che partecipano abitualmente ad eventi mondani e di alta classe, e proprio per questo motivo diventano famosi
Stylist : persona esperta di look e nell’abbinamento di capi ed accessori moda
Straw Bag : è la borsa in paglia
Suede : è il tessuto morbido e liscio, tipo scamosciato, utilizzato nelle calzature
T
Tangerine : è il color “mandarino”, quindi arancio chiaro e acceso
Tankini : è il costume da bagno in due pezzi, si differenzia dal bikini nella parte superiore che è un top lungo fino all’ombellico
T Bar : sono le scarpe con cinturino che forma una T sul collo del piede e si allacciatura intorno alla caviglia
Tee : è il termine più corto e moderno di t-shirt
Total Look : indica l’insieme di capi ed accessori, componenti un look, che fanno parte della stessa marca o dello stesso colore o dello stesso stile
Trench o per esteso “trench coat: è l’impermeabile o cappottino leggero con la cintura in vita
V
Vintage :  deriva dal francese “l’age du vin” ovvero l’annata del vino e poi esteso a “vendange” cioè vendemmia, parola che era utilizzata per indicare i vini vendemmiati ed invecchiati negli anni migliori, è diventato sinonimo di “espressione d’annata” ed attribuito anche ai capi o agli accessori prodotti in annata precedenti e diventati ricercati, non è semplicemente vecchio/antico, è cult, superiore per qualità ai similari attuali, è indice di un’ attitude contro la produzione di massa e favorevole all’ individualità
Volants : sono le arricciature voluminose
W
Wedges : sono le zeppe, è il termine inglese
Condividi

Nessun commento:

Posta un commento